? Editing: Post:21.body Save Delete Cancel
Content changed Sign & Publish new content

Scienza & Cultura libera

Divulgazione scientifica e cultura libera contro il dominio del Copyright e la nuova infame legge europea che protegge le lobby. Blog antirazzista e antifascista.
Per donazioni in BitCoin: bc1qjj6su3l28hkg25jwyp
7t5ye98vq8hcy84ml6us.
Per donazioni in Ethereum:
0xf29FF3c929bFCf2d39
174c4759323b01Afaf2E92.
Grazie.

Follow in NewsfeedFollowing

Latest comments:

Soltanto «mele marce» tra le forze di polizia? (Parte 2/2)

on Apr 24, 2019 · 8 min read

Anche secondo un’inchiesta condotta dalla ASI, Giuseppe Casu è stato fatto oggetto di un «trattamento inaccettabile», ma questo non ha impedito alla sua storia di finire nel dimenticatoio. E la stessa cosa rischia di accadere a Riccardo Rasman, trentaquattro anni, di Trieste. Si tratta di un ragazzo affetto da una sindrome schizofrenica contratta nel corso del servizio militare, a causa di ripetuti atti di nonnismo: un problema noto persino alla Corte dei Conti, che gli ha riconosciuto l’infermità per cause di servizio, e che gli ha lasciato in eredità una vera e propria fobia nei confronti di chi indossa una divisa.

Read more

Soltanto «mele marce» tra le forze di polizia? (Parte 1/2)

on Apr 22, 2019 · 2 min read

Il 22 ottobre del 2009, con la morte improvvisa di Stefano Cucchi, è cambiata la storia. Prima che venissero rese pubbliche le fotografie del cadavere del trentunenne romano c’erano soltanto le immagini dei campi di concentramento nazisti a urlare «se questo è un uomo!» contro chi aveva costretto delle persone a finire, ormai ridotti a scheletri, in cataste ammucchiate davanti ai forni crematori o malamente nascoste nelle fosse comuni. Eppure, ancora una volta, «tutto questo è stato».

Read more

Non mi uccise la morte (Parte 7)

on Apr 21, 2019 · 1 min read

La storia di Stefano Cucchi: arrestato a Roma il 15 ottobre del 2009, tradotto in carcere, e mai più uscito vivo.

7. Verità e Giustizia

I genitori ottengono finalmente l’autorizzazione a poter fotografare le spoglie del ragazzo e decidono coraggiosamente di mostrarle alle principali testate giornalistiche. Le immagini cruente del corpo suppliziato si rincorrono nella rete, si apre un’interrogazione parlamentare, il Ministro Alfano riprende la tesi assurda della «caduta accidentale dalle scale»; cui segue Giovanardi: «Stefano Cucchi è morto perché anoressico, drogato e sieropositivo».

Read more

Non mi uccise la morte (Parte 6)

on Apr 21, 2019 · 1 min read

La storia di Stefano Cucchi: arrestato a Roma il 15 ottobre del 2009, tradotto in carcere, e mai più uscito vivo.

6. Della presunta morte naturale.

«22/10/2009 Vengo chiamata dal personale infermieristico in quanto il paziente non risponde agli stimoli. All’ingresso nella stanza trovo il personale infermieristico che ha già iniziato la rianimazione cardiopolmonare. Segni vitali assenti. Decesso ore 06:45.»

Read more

Non mi uccise la morte (Parte 5)

on Apr 21, 2019 · 3 min read

La storia di Stefano Cucchi: arrestato a Roma il 15 ottobre del 2009, tradotto in carcere, e mai più uscito vivo.

5. Dal libro del profeta Isaia.

“Il Servo del Signore è cresciuto come un virgulto davanti a lui e come una radice in terra arida. Disprezzato e reietto dagli uomini, uomo dei dolori che ben conosce il patire.
Ma al Signore è piaciuto prostrarlo con dolori. Quando offrirà se stesso in espiazione, vedrà una discendenza, vivrà a lungo, si compirà per mezzo suo la volontà del Signore.
Dopo il suo intimo tormento vedrà la luce e si sazierà della sua conoscenza; il giusto mio servo giustificherà molti, egli si addosserà la loro iniquità”.

Read more

Non mi uccise la morte (Parte 4)

on Apr 21, 2019 · 2 min read

La storia di Stefano Cucchi: arrestato a Roma il 15 ottobre del 2009, tradotto in carcere, e mai più uscito vivo.

4. Lo splendore dei supplizi.

Ore 14:05, Rivotril, Roche SPA, clonazepam, benzodiazepina ad alta potenza, due compresse, bastano due compresse e quella sensazione di essere sotto giudizio sembra sparire, torna la quiete, ma non bisogna mai esagerare, i tremori sono sempre in agguato.
Dopo la somministrazione dell’antiepilettico la visita continua e i medici riscontrano le prime lesioni:
«Si rilevano lesioni ecchimotiche in regione palpebrale inferiore bilateralmente, di lieve entità e colorito purpureo. Riferisce dolore e lesioni anche alla regione sacrale e agli arti inferiori, ma rifiuta l’ispezione. Evasivamente riferisce che le lesioni conseguono ad accidentale caduta dalle scale».

Read more

Non mi uccise la morte (Parte 3)

on Apr 21, 2019 · 1 min read

La storia di Stefano Cucchi: arrestato a Roma il 15 ottobre del 2009, tradotto in carcere, e mai più uscito vivo.

3. Sorvegliare e punire.

09206207 questo il numero di riferimento del cartellino d’emergenza aperto dalla ARES, Azienda Regionale per l’Emergenza Sanitaria, alle ore 05:10 del 16 ottobre e chiuso poco dopo, alle ore 05:48.
Il detenuto dice di essere affetto da epilessia, conferma di sentirsi poco bene e presenta tremori, ma rifiuta ogni tipo di assistenza sanitaria. L’ambulanza lascia via degli Armenti, la porta della cella si chiude di nuovo. Il primo dei tanti buchi neri di questa storia: il ragazzo sta male, sa di avere problemi di epilessia, mostra evidenti forme di tremore, ma preferisce una cella fredda e spoglia al ricovero in ospedale.

Read more

Non mi uccise la morte (Parte 2)

on Apr 19, 2019 · 1 min read

La storia di Stefano Cucchi: arrestato a Roma il 15 ottobre del 2009, tradotto in carcere, e mai più uscito vivo.

2. Ad duas lauros.

Roma, 15 ottobre 2009, Parco degli Acquedotti, un’area verde stretta tra le borgate che propone uno strano connubio tra antichità e urbanizzazione forzata, talvolta degrado: palazzacci ammucchiati dall’edilizia convulsa e triste degli anni Ottanta. Un giovane passeggia con il suo cane, sono le 23:30, è in compagna di un’altra persona, parlottano uno di fianco all’altro. La macchina dei Carabinieri si avvicina lentamente, sono insospettiti dai movimenti dei due, decidono di intervenire.

Read more

Non mi uccise la morte (Parte 1)

on Apr 19, 2019 · 2 min read

La storia di Stefano Cucchi: arrestato a Roma il 15 ottobre del 2009, tradotto in carcere, e mai più uscito vivo.

«Abbiamo rischiato una rivolta perché il negro ha visto tutto. Un detenuto non si massacra in sezione, si massacra sotto».
(G. L., Comandante Polizia Penitenziaria, carcere di Castrogno).

Read more

Quando non andammo su Venere

on Apr 06, 2019 · 2 min read

La NASA aveva progettato una missione umana verso il pianeta, ma per fortuna l’idea venne abbandonata.

Read more

L'antenato fantasma

on Apr 06, 2019 · 2 min read

Il DNA degli individui di origine asiatica conserva l’impronta di una misteriosa forma umana estinta.

Read more

Le vie del progresso scientifico

on Apr 06, 2019 · 2 min read

Il futuro della fisica delle particelle, sulla base dei risultati di LHC.

Tempo fa si era assistito a una riaccensione della discussione, non nuova e spesso mal impostata, sull’utilità o meno della filosofia della scienza per la scienza.

Read more

A Verona libere e liberi, colorati, forti del nostro rispetto, delle nostre differenze

on Mar 29, 2019 · 2 min read

Quando l’aria si fa opprimente la sensazione è che tutto diventi grigio, scuro, privo di luminosità dei colori. Il colore accompagna la libertà e la democrazia, rappresenta il senso di libertà che si accompagna al vivere bene la propria identità e riconoscere diversità e differenze come ricchezza. Proprio per questo vogliamo una società colorata, dove l’uguaglianza non è omologazione ma universalità di diritti.

Read more

Una marea di donne contro crociati e neofascisti

on Mar 29, 2019 · 3 min read

I sovranisti religiosi, bianchi, nordamericani e i loro omologhi russi e italiani puntano il dito contro la pillola e l’autonomia delle donne, a cui impuntano il calo delle nascite che, dal loro punto di vista, sarebbe un danno alla nazione.

Read more

La fine del sesso e il futuro della riproduzione umana (Libro completo di Henry Greely, 2016)

on Mar 27, 2019 · 2 min read

Nel prossimo futuro il sesso sarà obsoleto. Non ci accoppieremo più per riprodurci, ma solo per piacere o magari altro, che comunque non avrà alcun legame con la generazione di prole. Gli eredi, almeno chi li vorrà, saranno concepiti dall’inizio fin quasi alla fine al di fuori del corpo umano, e sarà possibile selezionarli su misura, con un semplice sequenziamento dei genomi degli embrioni candidati all’impianto in utero.

Read more
Add new post

Title

21 hours ago · 2 min read ·
3 comments
Body
Read more

Not found

Title

21 hours ago · 2 min read

0 Comments:

user_name1 day ago
Reply
Body
This page is a preview of ZeroNet. Start your own ZeroNet for complete experience. Learn More